buzzoole code

“Sta uccidendo le gomme”, gli ordini di Scuderia i veri vincitori di Monza Mercedes sporca una Super gara di Hamilton con i soliti ordini di Scuderia, qui la nostra analisi di Monza

Fallo sapere ai tuoi amici

Si è chiuso il Gran Premio d’Italia 2018 con la vittoria dell’ormai solito Lewis Hamilton che per la quinta volta, come Schumacher, vince a Monza seguito da Kimi Raikkonen e ruba un bel pò di punti a Vettel che inizia male e segna la gara, dove i veri protagonisti sono stati gli ordini di Scuderia.
Due gli episodi chiave. Al primo giro partenza al cardiopalma, Vettel prova subito alla prima curva a superare Raikkonen che copre bene mentre da dietro Hamilton tocca la Rossa numero 5 e guadagna qualche metro ai ferraristi che avanzano davanti al gruppo fino alla variante della Roggia dove in staccata avviene l’evento decisivo, Hamilton di forza si infila mentre Vettel aveva provato a farsi vedere negli specchietti di Kimi, a quel punto il tedesco non poteva più chiudere la traiettoria nonostante lo spazio lasciato dall’inglese e arriva il contatto tra i due con la monoposto del Cavallino Rampante che va in testacoda e che riparte dalla 15esima posizione. Bene Raikkonen che prima perde la posizione ai danni dell’uomo di punta Mercedes e poi la riconquista subito infilando una serie di giri record che lo tengono in testa fino al primo stop.

Intorno al ventesimo giro esce fuori la competitività tedesca. Dai box arrivano gli ordini di Scuderia. Raikkonen rientrato al 21esimo giro ed equipaggiato con gomme soft è inseguito da Hamilton con le soft che guadagna secondi spingendo come un matto, nel frattempo dai box viene contattato Bottas (primo dopo lo stop di Kimi) che riceve l’ordine di ostacolare l’avanzata del finlandese costretto così ad un sandwich per oltre venti giri tra i piloti Mercedes. Stretta letale per la solidità degli pneumatici Ferrari. Il picco di temperature porta al cedimento prima della posteriore sinistra (danno verificatosi anche sulla monoposto di Vettel) e poi di tre delle quattro gomme montate sulla monoposto Rossa. Raikkonen fa una gara da 10 e guida in una condizione folle come viene annunciato dai Team Radio della squadra di Maranello e da quelli della Mercedes “Raikkonen sta uccidendo le gomme” ma non riesce ad ostacolare il primo attacco di Hamilton che dal momento del sorpasso, favorito dalle condizioni del rivale, guadagna quasi un secondo al giro e vince il Gran Premio di Italia.
Insufficiente la prestazione di Vettel che parte male e finisce col perdere punti preziosi in chiave mondiale sia a livello personale che di Scuderia. A Monza certi errori non sono ammessi e nonostante la rimonta importante e il ritmo gara da record non possono passare inosservati .
Triste, infine, l’intervista post gara di Bottas, al traguardo terzo, che ammette “La mia Mission era ostacolare Raikkonen, poi ho pensato al podio“. Non pensiamo servano ulteriori commenti.
Elogio al merito per Lewis Hamilton che vince una delle gare più belle dell’ultimo decennio e che dimostra una solidità mentale superiore abbinata allo stato di grazia nella guida e che dà come risultato il trionfo e la testa del mondiale.

Iscriviti alla nostra VIP AREA ed entra nel Club di Motori più esclusivo!


Ti piace Small-business-internet-marketing.info? Aiutaci a crescere,

Rispondi o lascia un commento