buzzoole code

Mild Hybrid, attenzione non è il solito ibrido: qui trovi come funziona Come funziona il sistema Mild Hybrid? Poche semplici righe per scegliere consapevolmente la tua prossima auto

Fallo sapere ai tuoi amici

Partiamo dal nome, la sigla Mild significa tradotta “mite”, leggero ed è questa la concezione di questo tipo di motorizzazione. Diversamente dal classico ibrido, come lo intendiamo noi, che affianca ai motori di una volta (termici) un motore elettrico di discrete dimensioni e buona potenza, nel caso del Mild Hybrid si usa una unità elettrica molto più piccola, quasi sempre incorporata al posto dell’alternatore.
Il funzionamento dell’unità è fondato sull’energia cinetica prodotta ed accumulata dal veicolo in movimento, questa viene trasformata in energia elettrica durante la decelerazione e accumulata in una batteria al litio, molto piccola, che viene riposta sotto il vano posteriore portabagli (solitamente). Al momento della ripartenza della vettura, l’energia viene distribuita all’alternatore/starter che trasmette dunque la coppia direttamente all’albero motore tramite una cinghia, con netti vantaggi in termini di “sforzo” iniziale alla partenza.

Al momento sul mercato sono due le categorie di Mild Hybrid, a 12 o 48 volt, e in entrambe le opzioni il motore, da solo, non è in grado di muovere la vettura (cosa che accade invece nel classico ibrido). Ecco allora che sarà anche impossibile muoversi in solo elettrico, seppure in ridotti tratti di strada, e il motore a combustione resterà sempre in funzione, spegnendosi se previsto giusto nelle fasi di decelerazione, dove avviene l’accumulo di energia.

Fonte: Renault.it

Parliamo ora di dati e vantaggi. Secondo quanto raccolto dai costruttori il sistema ibrido leggero permette un risparmio che può raggiungere gli 0.7 litri di carburante ogni 100 km e fino al 15% di consumi in meno nella percorrenza reale.
Si tratta in realtà di un sistema utile e che apre a numerosi vantaggi nella guida di tutti i giorni come la possibilità di procedere in zone a traffico limitato e di parcheggiare sulle strisce blu senza pagare il ticket (in entrambi i casi dove permesso dal regolamento). In più ci sono Regioni che annullano il pagamento del bollo per auto elettriche ed ibride nei primi tre anni dall’immatricolazione e un sistema del genere, più economico sia per l’utente che per il costruttore, può essere una alternativa valida per trarre questi vantaggi.
Attenzione dunque in fase di acquisto della tua vettura al tipo di sistema che ti viene proposto e diffida dall’amico che paragona il suo Mild Hybrid ad un ibrido tradizionale. E’ comunque un’opzione valida ma resta tutt’altra cosa.

Iscriviti alla nostra VIP AREA ed entra nel Club di Motori più esclusivo!


Ti piace Small-business-internet-marketing.info? Aiutaci a crescere,

Rispondi o lascia un commento